Transfer aeroporto
Hotel
  1. Fecha de llegada
  2. Fecha de salida
Hoteles con Encanto
Voli economici

Caffetterie e pasticcerie di Budapest

Le caffetterie di Budapest diventarono famose, a livello europeo, dopo le due guerre mondiali. Grazie alla passione degli ungheresi per i dolci, Budapest offre alcune delle migliori pasticcerie e caffetterie d’Europa.

Fra i tanti locali esistenti, troverete alcuni con una tradizione e una storia che uguagliano la qualità dei loro dolci:

New York Palace Budapest
Facciata del Hotel New York Palace

Caffetteria di Budapest New York Palace
Caffetteria del New York Palace

Pasticceria Gerbaud di Budapest
Pasticceria Gerbaud, la più famosa d'Ungheria

Pasticceria Gerbaud

Vörösmarty tér. Consulta la mappa.

La pasticceria Gerbeaud è la più famosa d’Ungheria. Fu fondata nel 1858 da Henrik Kugler e, da allora, i suoi pasticcini e le sue torte sono sempre più famose. La sua caffetteria ha più di 300 posti a sedere e i tavolini esterni hanno una capienza simile.

Il prezzo di un caffè o di un cioccolato caldo è di circa 750 fiorini, così come il costo di una porzione di torta. All’interno, si possono comprare pasticcini per 300 fiorini.

Boscolo Budapest

Erzsébet körút 9-11. Consulta la mappa.

Il New York Café è una delle caffetterie più importante di Budapest, dalla sua inaugurazione nel 1894 alla chiusura nel 2001, anno in cui fu costruito un hotel lussuoso, il Boscolo Budapest, Autograph Collection.

Per mantenere vivo uno spirito che dura da più di 100 anni, è stato ristrutturato il locale, rispettando il suo aspetto anteriore. Come l’hotel, la caffetteria è totalmente impressionante. Il caffè ha un prezzo di 800-1.000 fiorini e si servono, inoltre, delle coppe di buonissimo gelato al costo di 1.800 fiorini.

Centrál Café

Károlyi Mihály utca 9. Consulta la mappa.

Il Central Café non è soltanto una caffetteria, dato che, come i precedenti locali, in passato è stato anche un luogo d’incontro d’artisti, poeti e scrittori. In epoca comunista, il locale restò chiuso e, dopo la fine del regime, nel 1989, fu riaperto al pubblico. È più economico rispetto ai precedenti locali.